Rimanere con un pugno di mosche in mano, in fondo alla clessidra dei minuti finali, dopo aver recuperato da situazioni di svantaggio. E’ il comune denominatore delle ultime due partite. Il destino a cui è andato incontro il Genoa con Atalanta e Cagliari, dopo le scorpacciate con Roma e Fiorentina. Gol incassati quasi al tramonto. Lo stesso è accaduto al Bologna con la Roma. Mal comune. Non mezzo gaudio. Il calcio dà, il calcio toglie. Mettersi al vento, invertire la rotta. Sino all’ultima azione. Sino all’ultimo rimbalzo. A Marassi mercoledì càpita l’occasione per rigonfiare le vele. E allora fuori gli artigli. Tutti insieme per ripartire.

 

 

 

NEWS CORRELATE

Prossima partita

Venezia
- VS -
Genoa
14-08-2022 20:45