Ordine, lucidità’ e uno spartito riconoscibile. Il Genoa gioca una partita di personalità al San Paolo, imbrigliando gli avversari e andando a un passo dal timbrare la porta nell’occasione più importante del match (0-0). La fotocopia della gara con la Juve. Solo che stavolta nel sacco finisce un punto d’oro. E’ perfetta la lettura del mister, efficace l’interpretazione dei suoi scudieri. Pandev e compagni mettono in apprensione il Napoli tenendo le posizioni e lasciando nella prima frazione le briciole nella zona che scotta. Due volte gli uomini di Ancelotti alla resa dei conti si affacciano con crismi di pericolosita dalle parti di Radu. Succede con un tiro da fuori di Zielinski (parato) e una conclusione (deviata) di Callejon. Tutto qua. I nostri difendono bene e ripartono sempre. Come a inizio ripresa quando Pandev per poco non inquadra lo specchio dalla mattonella. I padroni di casa giocano sulla foga a scapito della precisione. Schone e soci, quando accelerano verticalizzando, offrono buone sensazioni, anche grazie ai guizzi sulla sinistra di uno scatenato Agudelo. Due volte il colombiano guadagna il fondo e la mette in mezzo. Due volte Pinamonti è contrato e, nella seconda, Koulibaly salva sulla linea un gol fatto sulla girata al volo. Radu sbroglia con sicurezza l’ordinaria amministrazione e si supera su un colpo di testa del subentrato Elmas. C’è luce nelle zone basse della classifica che resta deficitaria. Con questo piglio risalire però la corrente sarà un’impresa meno faticosa di quella dei salmoni.

 

NEWS CORRELATE

Prossima partita

Spal
- VS -
Genoa
25-11-2019 20:45
NULL