Tra i genoani famosi, passati e presenti, c’è un posto in prima fila per lui. Anzi, sul palco. Vittorio Gassman ha percorso il Novecento correndo con la casacca del mattatore. Un personaggio dai tratti molteplici e, per certi aspetti, controverso. Un intelletto finissimo che ha pompato il sangue della cultura tra le vene del popolo italiano. Una produzione vastissima, un fiume in piena. Teatro, cinema, televisione. Oltre 300 tra spettacoli e film, commedie e tragedie, dentro un arco interpretativo senza limiti di prospettiva. Vittorio Gassman è stato anche uno sportivo. Giocava a basket in una squadra di Roma e venne convocato due volte in Nazionale (la rappresentativa B, quella universitaria). Per uno che era cresciuto a Struppa, in Valbisagno, tifare Genoa è stato un parto naturale. Come innamorarsi della Roma dopo il trasferimento a cinque anni nella capitale. Chissà se sia un caso. Le squadre che portano il nome delle città. Nel ventennale della scomparsa, cade lunedì 29 giugno, il Grifo gli dedica un ricordo. Tra i numerosi che lo immortalano in queste ore.

 

 

NEWS CORRELATE

Prossima partita

Genoa
- VS -
Spal
12-07-2020 17:15
Stadio Luigi Ferraris