Al Bentegodi va in scena l’ultima giornata del girone di andata. Il Genoa viene dai 120 minuti di Coppa Italia di giovedì e dal ritiro a Torino iniziato mercoledì. La partita è subito tonica e giocata per la maggiore nella zona nevralgica del campo. Al quarto d’ora il primo squillo dei padroni di casa con Lazovic che arriva al tiro dopo un dribbling secco. Perin para sicuro. Il numero uno rossoblù si ripete dieci minuti dopo sulla botta al volo da centro area di Pessina. Il Grifone è bravo a gestire le fiammate del Verona e a colpire al momento giusto. A cinque dal rientro negli spogliatoi Barreca serve un cross rasoterra calibrato per Sanabria, lesto nel liberarsi dalla marcatura di Gunter e insaccare con una zampata decisa. Nella ripresa il Verona si guadagna un rigore con Zaccagni che scappa a Romero. Verre lo sigla e porta il risultato sull’1-1. Passano dieci minuti e i padroni di casa raddoppiano con lo stesso Zaccagni, abile a gettarsi su un rimpallo conseguente alla conclusione di Rrahmani. Il Genoa ci prova, entrano Agudelo, Behrami e Favilli e il baricentro si alza. Le conclusioni verso la porta di Silvestri però non sono numerose. L’assalto all’arma bianca nel finale non porta i frutti sperati. Finisce 2-1. C’è da rimboccarsi le maniche.

NEWS CORRELATE

Prossima partita

Ascoli
- VS -
Genoa
11-12-2022 15:00