Chi la dura la vince. Il Genoa rimonta la Juve a Vinovo e vince una partita fondamentale per lanciare la corsa nella volata primavera a un posto play-off. Toc, toc, ci siamo. Sul campo “Ale e Ricky” i ragazzi di mister Chiappino e i bianconeri danno vita a una prova avvincente. Proprio come all’andata. Due organici di valore. Partono forte i padroni di casa sprecando qualche occasione per incassare il vantaggio. Il Genoa risponde con un’opportunita formato gigante di Da Cunha, non va. Siano vola sotto l’incrocio e nega la gioia. Il match si incanala poi sui binari dell’equilibrio, spezzato della rete che porta in vantaggio i piemontesi poco dopo la mezzora. E’ Sene a servire la freddura sul piatto, su una ripartenza che brucia Radaelli. Il primo tempo si chiude sotto di un gol. Troppo poco per questo Genoa, che tesse il filo come una novella Arianna. Le avvisaglie viaggiano sull’asse Eyango-Cleonise. Il talento ex Ajax non ne approfitta. Lisboa fa suonare l’allarme dalle parti di Siano. Il finale è da brividi, anzi regala il succo. L’azzurrino Serpe a nove dalla fine incorna in rete il pareggio su assist al bacio di Masini. Nel recupero Buonavoglia, una rèclame dei piedi buoni, fa saltare il banco con un diagonale mortifero. E’ grandeur Genoa in casa Juve. Il bello deve venire. Grandi ragazzi!

 

NEWS CORRELATE