Non c’erano nomi sulle maglie, campi riscaldati, telecamere ovunque. Di certo non sono stati pochi i Conti, in rossoblù, che hanno fatto i conti con… i punti in classifica, tra la passione popolare che si respira a Genova per il calcio. Il futuro campione del mondo, il folletto Bruno Conti, è passato alla storia per l’arte del dribbling. Disputò due stagioni con il Grifo (’75-76 e ’78-79), ottenendo una promozione nel team di Gigi Simoni. Una macchina da gol era un altro Conti, Ugo, ala sinistra di ruolo. Toscano di Pisa, ex pugile, era nato il 22 settembre del 1916 e venne acquistato dal presidente Culiolo. Rimane uno dei 100 giocatori più prolifici (89 reti) di tutti i tempi in Serie A. Dal 1939 al 1943, in 109 match in rossoblù, realizzò 45 centri. Gol di astuzia, in acrobazia, di piede o di testa. Il repertorio di uno forte. Convocato in nazionale dal ct Vittorio Pozzo, fu vice di Scopigno nel Cagliari dello scudetto.

 

NEWS CORRELATE

Prossima partita

Genoa
- VS -
A.S.Cittadella
04-12-2022 15:00
Stadio Luigi Ferraris