Il rosso e il blu, sono sempre i colori della prima volta. Rossoblù è la maglia della squadra più antica del calcio italiano. Rosso e blu erano i protagonisti della prime immagini di una partita di serie A trasmessa a colori dalla televisione italiana. Accade oggi, che poi sarebbe anche il titolo più adatto a un programma televisivo, quando la tv aveva (soprattutto) una finalità divulgativa. Accadde oggi, 6 febbraio, anno 1977. La Rai trasmette la prima partita di campionato a colori: è Genoa-Torino, eccoci. Finisce 1-1, rossoblù in vantaggio con Ignazio Arcoleo, dopo 32 minuti di gioco. Granata è l’altro colore protagonista della sfida, è quello dei campioni d’Italia del Toro. Che pareggiano con Paolo Pulici al minuto 16 della ripresa.

“I colori rossoblù si adattano bene come resa alla trasmissione televisiva”, commentano alla vigilia i funzionari della televisione di Stato. E’ uno dei motivi della scelta fatta dai dirigenti di viale Mazzini. Scelta “cromatica”, ma non solo, perché la decisione tiene ovviamente conto del blasone e della forza delle due squadre che si affrontano. La sintesi “colorata” della sfida allo stadio Luigi Ferraris va in onda all’interno di “Domenica In”, altro tassello fondamentale nella storia della televisione italiana. Il telecronista è Giorgio Martino, che all’ultimo momento ha dovuto sostituire Nando Martellini, quel giorno non disponibile. E visto che i colori rossoblù si “adattano bene”, succede che anche la seconda partita a colori della serie A italiana vedrà protagonista il Genoa, una settimana dopo, contro la Roma. Funziona così: il rossoblù fa sempre la storia.

 

 

NEWS CORRELATE

Prossima partita

Ascoli
- VS -
Genoa
11-12-2022 15:00