Riflessi da portiere, piedi da regista. Una mente allenata aperta alle novità. In sei mesi Jandrei si è impratichito della lingua afferrando i concetti base. Ben più di un secondo in un reparto, quello tra i pali, che mette il Genoa in una botte di ferro. “Gli inizi sono stati duri perché non capivo la lingua, è servito tempo per ambientarmi del tutto. Con i preparatori Scarpi e Raggio Garibaldi ho capito che dovevo lavorare sulla tecnica europea, adattando la scuola brasiliana a quella italiana. E’ un processo ancora in corso che sta dando buoni risultati. Gli allenamenti di mister Andreazzoli utilizzano molto il pallone, il gioco che propone è divertente. C’è allegria in questo. Con Romulo si è instaurato un legame come tra fratelli, siamo compagni in stanza, ma è un po’ in tutto il gruppo che si respira una bella aria. Ho origini italiane sia da parte di madre che di padre. Non conosco le regioni di provenienza”.

 

 

NEWS CORRELATE

Prossima partita

Ascoli
- VS -
Genoa
11-12-2022 15:00