Un’ottima ripresa e un’altra rimonta del Genoa che si ferma sul 3-4, sfiorando nel finale il pareggio. Non bastano la doppietta di Shomurodov e il sigillo di Pandev. Dopo la salvezza messa in cassaforte a Bologna, il Grifone cala il sipario al Ferraris in questa stagione, festeggiato fuori dello stadio dai tifosi. Passa l’Atalanta che accelera nella prima frazione, vince (4-3) l’undicesima gara in trasferta e si qualifica alla prossima Champions League. Scattiamo dai blocchi con una partenza sprint e produciamo due palle gol all’alba del match. Il torto è non farlo. Melegoni spara un bolide respinto da Gollini su lancio millimetrico di Rovella, mentre Masiello sugli sviluppi di un corner colpisce la base del palo. La risposta viaggia con una percussione di Zapata che di potenza buca la difesa e segna il vantaggio nerazzurro. Sotto alla prima azione pericolosa. Ribattiamo colpo su colpo con un atteggiamento propositivo e spinta sulle gambe. L’Atalanta gestisce il possesso. Restiamo sul pezzo, ma subiamo il raddoppio. Stavolta è Zapata dal fondo a ricambiare e servire sul piatto a Malinovsky che non perdona. Marinelli convalida dopo la segnalazione della Var. Gli ospiti possono giocare sul velluto e ricamare quelle geometrie che puntellano il miglior attacco del campionato da due anni. Teniamo botta e cerchiamo l’imbucata per riaprirla. L’intervallo viene annunciato però dal tris di Gosens che di fatto chiude i giochi. Dentro Pandev, Caso e Shomurodov. E proprio l’uzbeko firma l’1-3 con un sinistro che bacia il montante e si insacca. Pasalic ristabilisce le distanze in un amen perforando Marchetti per la quarta volta. Entra anche Portanova in una gara caratterizzata dal turn-over per offrire la passerella a chi ha avuto meno opportunità di calcarla. Accorciamo su penalty (fallo di mano) trasformato da Pandev. Il Vecchio Balordo a tratti mette alle corde gli avversari con una manovra fluida e facendo leva sull’orgoglio. L’ultimo cambio è per dare spazio a Eyango e prelude alla seconda marcatura di Shomurodov, freddo come un ghiacciolo nel superare Gollini. Finisce così, giù il sipario.

 

 

NEWS CORRELATE

Prossima partita

Genoa
- VS -
Pisa
28-01-2023 16:15
Stadio Luigi Ferraris