Vittoria, momentaneo sesto posto, porta inviolata e il trono riservato al capo-cannoniere. E’ ricca la tavola imbandita dalla Primavera di mister Chiappino, tornata al successo nel match al Begato 9 Stadium con il Chievo Verona, davanti ai vertici del settore giovanile. E’ stata una sinfonia rossoblù come raccontano lo spartito dell’incontro e il risultato finale (3-0), frutto di una interpretazione attenta in difesa (tra gli scudi il neo portiere Radaelli prelevato dal Pescara), di sostanza a centrocampo e pungente in attacco, con la certificazione della doppietta realizzata da Flavio Bianchi (13 gol nonostante una lunga lontananza causa infortunio). Dopo una partenza decisa e le occasioni prodotte, tra cui una sui piedi di Zennaro, i rossoblù piazzavano un micidiale uno-due prima dell’intervallo. Il centravanti siglava su imbeccata dello stesso Zennaro, poi Rovella sganciava l’assist per Moro che non sbagliava davanti a Bragantini. Il doppio vantaggio come tesoretto per la ripresa, aperta da una opportunità per il guizzante Buonavoglia. Il Genoa chiudeva i conti sempre con il capitano. Di rilievo la direzione di gara dell’arbitro Colombo, ben assistito dai collaboratori Donato e Tinello.

 

 

NEWS CORRELATE

Prossima partita

Ascoli
- VS -
Genoa
11-12-2022 15:00